terapia paziente con tumore mammario
Probiotici innovativi
ca Mammario metastatioc
Milan cancer conference

Terapie ormonali in postmenopausa a base di estrogeni e rischio di tumore del seno


I Ricercatori della Boston University School of Medicine di Lexington ( Stati Uniti. ) hanno condotto uno studio clinico per valutare l’associazione tra diverse terapie ormonali contenenti estrogeni e il rischio di tumore del seno, con particolare attenzione alla combinazione di estrogeni e testosterone.

Utilizzando le informazioni contenute in un vasto database statunitense, è stato condotto uno studio caso-controllo in donne di età compresa tra 50 e 64 anni che avevano avuto una prima diagnosi di tumore del seno per valutare gli effetti nelle utilizzatrici di estrogeno coniugato, estrogeno coniugato più progestinico, estrogeno esterificato con metiltestosterone o estrogeno esterificato con metiltestosterone più progestinico rispetto alle non-utilizzatrici.

Sono stati identificati 4.515 casi e 18.058 controlli.

L’odds ratio ( OR ) per le utilizzatrici di solo estrogeno rispetto alle non-utilizzatrici è stato di 0.96 ( 667 casi e 2.900 controlli ); per le utilizzatrici di estrogeno coniugato più progestinico di 1.44 ( 712 casi e 2.087 controlli ) e per le utilizzatrici di estrogeno esterificato con metiltestosterone e di estrogeno esterificato con metiltestosterone più progestinico gli OR sono stati di 1.08 ( 98 casi e 380 controlli) e 1.69 ( 22 casi e 55 controlli ), rispettivamente.

È stato osservato un aumento del rischio per le donne che avevano assunto estrogeno coniugato più progestinico per 48 mesi o più ( OR 3.10; 111 casi e 149 controlli ).

In conclusione, non è stato osservato un aumento del rischio di tumore mammario tra le donne che utilizzano estrogeno da solo o estrogeno esterificato con metiltestosterone, rispetto a quelle che non ne fanno uso.
È stato registrato un aumento del rischio tra le utilizzatrici di terapie a base di estrogeno coniugato più progestinico.
In particolare, il rischio di tumore alla mammella in donne che utilizzano estrogeno coniugato più progestinico per 4 o più anni, è circa 3 volte più alto rispetto a quello delle donne che non sono state sottoposte a terapia ormonale.
Il tasso di incidenza di carcinoma mammario per le donne di età compresa tra 50 e 64 anni, che è circa pari a 3 per 1.000, può essere aumentato a 9 per 1.000 nelle donne di questa fascia di età che hanno assunto terapia ormonale a base di estrogeno coniugato più progestinico per 48 o più mesi. ( Xagena2009 )

Jick SS et al, Obstet Gynecol 2009; 113: 74-80


Onco2009 Gyne2009 Farma2009


Indietro